En questo articolo, condividerò l’esperienza del Programma Terapeutico Familiare (HFT) sviluppato dalla Fondazione CLANA (Camino de la Naturaleza) in alleanza con Koru Transformación Instituto de Ecopsicología Chile – Colombia e l’ONG Buenos Vecinos. Famiglie delle città di Valparaíso y Santiago del Cile hanno partecipato a un programa nel contesto del confinamento sanitario globale.

El programa consiste en un acompañamiento completo para el caso de la nelle nelle e nelle comunità, come Strategia per far fronte allo stato di crisi sanitaria che colpisce bambini, famiglie, scuole e comunità nei nostri territori.

L’obiettivo del programma è rafforzare lo stato di salute, la qualità della vita e il senso di comunità nelle famiglie partecipanti.

Basi

Stiamo attaversando un momento critico nella storia dell’umanità, dopo la pandemia globale di COVID 19 c’è un urgente bisogno di ripensare i nostri stili di vita e cercare modi sani che ci diano uno stato di equilibrio e salute dell’ecosistema. In questa ricerca e in risposta all’emergenza, i miei piani di viaggio sono cambiati dal lavoro di promozione dell’ecopsicologia che abbiamo fatto a Koru Transformación e mi sono messo al servizio locale nella mia amata città natale a Valparaíso, en Cile. Mi piace lasciarmi trasportare dalle sincronicità e offrire il mio lavoro a chi riesce a vedere nel quadro dell’ecopsicologia una risposta ai bisogni curativi del presente, poiché ci ricollega profondamente con la psiche della terra, nel cui grembo è osato. la psiche della nostra specie e la capacità di vita e rigenerazione dei nostri ecosistemi.

 

Quindi, quando mi sono reso conto che il mio soggiorno a Valparaíso sarebbe stato più lungo del previsto, mi sono concentrato sul coltivare le radici che mi legano a questa terra e mi sono impegnato in un’avventura con la Fondazione CLANA, e abbiamo iniziato a sognare. ne è nato un progetto assolutamente emergente, vivo e trasformativo, che continua a sorrenderci ogni giorno per l’impatto generato da questa alleanza tra ecopsicologia, agroecologia e il sapere ancestrale che ispira quello che stiamo costruendo nel corso di questi mesi.

Si è formato un team potente, pieno di entusiasmo, fratellanza del quale apprezzo profondamente l’esperienza generata. Tre uomini compongono la squadra del cuore: Gabriel Bernal creatore della Fondazione Clana, con un lungo viaggio come praticante sciamanico ed esperto della cultura Muisca della Colombia, abbiamo anche la presenza di Eder González specialista in agroecologia e che scrive, contribuendo con la mia esperienza nel campo dell’ecopsicologia. Anche Edilberto Mendoza della Fondazione Ingibia dalla Colombia ci ha acompagnato virtualmente en modo permanente, che ci ha guidato con la sua saggezza e ricca esperienza nell’educazione ambientale, così come diversi colaboratori in diversi momenti del processo come Katherine Olivares, educatrice e direttore della Laguna Verde Forest School y Kenya Kalfhed, uno studente di psicologia.

Fatte le presentazioni, analizziamo il contesto della crisi sanitaria, che per la sua natura globale si esprime in forma frattale da tutte le comunità del pianeta, ma è particolarmente critica nei Paesi in via di sviluppo, dove i livelli di povertà e disuguaglianza impatto sulle basi della comunità, sperimentando stati di vulnerabilità e incertezza sul posto di lavoro e sulla salute. Molte famiglie hanno dovuto trovare un modo per soddisfare i loro bisogni primari, ei bambini e le loro famiglie devono adattarsi alle condizioni di reclusione e isolamento sociale.

In aggiunta a quanto sopra, l’esposizione mediatica e il controllo sociale provocano stati di stress e squilibrio nella comunità, influenzandone lo stile di vita e le condizioni di salute fisica e mentale. Naturalmente tutte queste condizioni, nell’organismo umano provocano risposte del sistema immunitario, in aggiunta ai rischi ambientali.

Proponiamo strategie preventive, educative e terapeutiche per la salute della famiglia che possano facilitare il recupero di uno stato di armonia ed equilibrio con il nostro ambiente di vita, con la natura.

Dall’ecopsicologia consideriamo che il malessere della nostra civiltà alla fine risponde alla percezione di sentirsi separati dalla natura, e in questo senso dall’ecopsicologia cerchiamo di sviluppare la consapevolezza di farne parte e di esserne l’espressione.

Il giardino terapeutico.

Per armonizzarsi con i cicli naturali è necessario ricordare il legame ancestrale con la terra e il cibo. Abbiamo quindi deciso di unire le forze per evidenziare il potere curativo del giardino, comprendendo che quando si parla di persone e del loro amore per la natura, il rapporto tra gli esseri umani con la natura è uno strumento di ecoterapia molto efficace. Frutteti e giardini fanno parte del nostro spazio vitale immediato e della nostra casa, ma non sempre ci relazioniamo con essi, né comprendiamo il loro potenziale terapeutico come fonte di benessere.

Il giardino come strumento terapeutico è anche conosciuto come Ortoterapia, viene utilizzato nei paesi di tutto il mondo ottenendo ottimi risultati nel lavorare con persone con bisogni speciali. Le iniziative realizzate sono state realizzate principalmente in centri educativi e culturali e ospedali sotto la supervisione di terapisti professionisti. Ma questi benefici possono essere sfruttati anche nel giardino di casa.

Il mondo del giardino, in tutta la sua diversità, porta gli effetti curativi della natura nella nostra casa in modo che possiamo esprimerci in modo creativo. Ci nutrono e ci forniscono prodotti alimentari in modo ecologico, sono spazi multifunzionali.

Sono strumenti terapeutici che possiamo utilizzare con grande successo per sostenere la cura di alcune malattie fisiche e disturbi mentali; preservare la nostra salute e prevenire le malattie; incoraggiare i bambini a diventare adulti senza alienarsi dalla natura e offrire ai nostri anziani una migliore qualità di vita.

Un programma di Giardino Terapeutico viene sviluppato in modo specifico e individualizzato, adattandosi alle esigenze di ogni persona / famiglia / comunità e ci permette di generare diversi benefici, ad esempio:

Benefici cognitivi:

– Promuove il pensiero e la pianificazione del design.
– Favorisce un’analisi dell’ecosistema e il processo decisionale.
– Migliora la concentrazione e una maggiore capacità di attenzione.
– Produce un aumento generalizzato del funzionamento cognitivo.
– Sviluppo della capacità creativa e dell’intelligenza estetica.

Benefici psicologici:

– Migliora l’umore.
– Allevia la depressione.
– Prova di ansia e stress ridotti e comportamenti conflittuali.
– Sviluppa l’autostima, la soddisfazione e una sensazione di realizzazione.
– Contribuisce alla gestione della frustrazione e della rabbia, sviluppando pazienza e responsabilità.
– C’è un aumento della sensazione di benessere.

Benefici fisici:

– Aumenta la risposta immunitaria.
– Sviluppa capacità motorie fini e grossolane e coordinazione occhio-mano.
– Ridurre la pressione sanguigna.
– Riduci la frequenza cardiaca.
– Promuove l’aumento delle endorfine.
– C’è una stimolazione sensoriale completa (vista, udito, tatto, olfatto e gusto).
– Acquisizione di sane abitudini alimentari e riduzione dell’obesità.
– Ossigenazione cellulare

Benefici sociali:

– Maggiore partecipazione e interazione sociale, nonché autostima relazionale.
– Migliore coesione del gruppo.
– Stimolazione di modelli sani di funzionamento sociale.
– Edificio finalizzato, ecc …

 

Rivediamo alcuni concetti e approcci che supportano questa proposta di seguito:

Salutogenesi

Salutogenesi, termine coniato dal medico e sociologo Aaron Antonovsky negli ultimi decenni del XX secolo, significa, in sostanza, la Genesi della Salute. La salutogenesi porta in sé una nuova veste, un nuovo paradigma per quanto riguarda la salute, ed è emersa in contrasto con ciò che la medicina ha avuto come vettore egemonico negli ultimi secoli: la ricerca della malattia, l’origine delle malattie e dei disturbi, la Patogenesi. E mentre la visione patogena chiede perché ci ammaliamo, la Salutogenesi chiede come possiamo mantenere la salute, o se ci sono fonti di salute in ogni individuo.

Secondo i parametri della Salutogenesi, dovremmo concentrare il nostro sguardo su persone che hanno e mantengono una buona immunità durante una pandemia.

Cresciamo in una società che non ci insegna o non ci istruisce nella cura completa di sé. Diventiamo dipendenti da altre attenzioni e speriamo che solo “chi sa” ci dia opzioni, consigli, la loro energia !, per curare i nostri squilibri.


Ecopsicosomatica

L’alienazione della natura è un fattore importante che influenza la comparsa di malattie e disturbi, il che si spiegherebbe in quanto una parte della persona viene tagliata fuori dall’essere privata di ciò di cui ha bisogno per il funzionamento del corpo. L’origine di molte malattie è più facile da capire quando non ci occupiamo solo delle influenze negative che si vedono, ma anche di quelle influenze positive e necessarie per la vita e inerenti alla natura che ci mancano.

Clemens G. Arvay (2016) propone di lavorare sull ‘“ecopsicosomatica”, come disciplina che riconoscerebbe non solo che il corpo e la psiche costituiscono un’unità, ma anche che mantengono relazioni estremamente complesse rispetto all’ambiente e alla natura. Corpo, psiche e ambiente naturale compongono quindi un’unità più ampia ed evoluta e sono anch’essi inestricabilmente legati tra loro, formando parte di un sistema ecopsicosomatico.

Alcuni psicologi sostengono che il lavoro sull’autostima sia approfondire il sistema dell’ego o la motivazione diretta dall’ego. In questa prospettiva, si propone di lavorare sull’auto-compassione, che implica un approfondimento dell’ecosistema o una motivazione più prosociale, non tanto orientata verso se stessi.

La predominanza della motivazione da parte dell’ecosistema offre vantaggi, non solo per il gruppo ma anche per l’individuo, poiché migliora la salute fisica e psicologica. Inoltre, una recente ricerca ha suggerito che quando le persone chiedono di cercare non solo il proprio interesse, ma anche il rispetto, il sostegno e la compassione per gli altri, paradossalmente ottengono una migliore soddisfazione dei propri bisogni fondamentali e sperimentano un maggiore benessere.

 

Psico-Neuro-Immunologia

Il sistema immunitario è il fondamento della nostra salute; e le loro risposte costituiscono uno dei fenomeni più complessi nel corpo umano. In questo senso, le influenze della natura sono agenti indispensabili per il corretto funzionamento del sistema immunitario e dell’intero organismo umano.

Il corpo umano si modella in unione con la natura e opera, sin dalla comparsa della nostra specie, in interazione con essa. Pertanto, non siamo solo parte della natura, ma è anche parte di noi. I confini sono diffusi, l’essere umano non finisce sulla superficie della pelle ma si estende in innumerevoli processi di contatto e interazione con l’ambiente.

Esiste una disciplina scientifica emergente chiamata psico-neuro-endocrinoimmunologia, che ci ha ispirato anche nello sviluppo del programma Therapeutico Family Garden, poiché il suo scopo è indagare come la psiche influenza il sistema immunitario e viceversa, in che modo il sistema immunitario agisce sulla psiche. Il sistema nervoso è qui il mediatore tra il corpo e la mente.

Sia la mente, il sistema immunitario e la natura sono tre pilastri che costituiscono una rete funzionale che deve essere intesa come appartenente al tutto. Medici e psicoterapeuti potrebbero applicare questa conoscenza, comprendendo l’essere umano come parte del sistema natura, con il quale è stato legato dall’origine delle specie, e anche con la natura come parte dell’essere umano, formando reciprocamente un’unità funzionale.

 

Approcci ecopsicologici per lavorare con l’orto terapeutico della famiglia (HFT)

Da una prospettiva ecopsicologica, il giardino è uno degli spazi curativi per eccellenza e che ci permette di connetterci con la consapevolezza dei cicli del tempo e della vita. Attiva il senso di meraviglia e cura della vita. Ci rende parte di un più ampio ciclo di convivenza con l’intera rete della vita. Facilita l’esplorazione e la connessione con i cicli stagionali come archetipi che consentono l’interazione con i processi psicologici e l’evoluzione della coscienza.

L’orto familiare facilita anche la costruzione di uno scopo comune, sia quando viene svolto a livello comunitario che familiare. Permette organizzazione e lavoro collaborativo, è un intero progetto che trasforma la vita quotidiana all’interno della casa.

Quando lavoriamo in reti di orti familiari, facilitiamo lo scambio di conoscenze, esperienze, semi e cibo. E questo senso comincia a rigenerare il rapporto delle famiglie con la terra e la comunità, con un senso di reciprocità e collaborazione nel loro rapporto con la natura e tutti i suoi elementi.

Il giardino attiva il senso di meraviglia e la cura della natura. Facilita l’esplorazione e la connessione con i cicli stagionali come archetipi che consentono l’interazione con i processi psicologici e l’evoluzione della coscienza.

 

Il programma

La città di Valparaíso, come molte città dell’America Latina, ha presentato una tendenza strutturale e persistente a registrare alti numeri di precarietà e disoccupazione. L’ultimo record consegnato nel 2019 dall’Istituto Nazionale di Statistica (INE), presenta un tasso di disoccupazione del 10,7%. Questo scenario sfavorevole diventa più complesso con i numerosi incendi che colpiscono il comune, già classificato come “comune critico” soggetto a queste catastrofi, data l’ampiezza di utilizzo dei terreni forestali situati principalmente nella parte alta della città. città (CONAF, 2011).

Con l’attuale contingenza del virus COVID-19, è necessario mantenere l’esistenza di percorsi autosufficienti che promuovono l’acquisizione di cibo sano, quindi garantire la funzionalità e la manutenzione pubblica del frutteto non solo raggiungerebbe questo obiettivo, ma incoraggerebbe anche l’impegno comunità avendo una rete di supporto collaborativo che promuove l’economia circolare dei residenti del settore.

Il programma è nato dal sostegno a cui la Fondazione CLANA ha lavorato nel campo dell’educazione ambientale e dell’agroecologia presso la Escuela Bosque de Laguna Verde. Il miglioramento delle tecnologie è stato ricercato nella Bosque School come orto comunitario dimostrativo e l’accento è stato posto sui materiali di supporto per la realizzazione di orti familiari, costruzione di un vivaio per semi e piantine, preparazione di schede tecniche e materiale didattico, ciclo di discorsi rigenerativi, sostegno familiare sul campo, laboratori esperienziali su Agroecologia, Ecopsicologia e Permacultura e la generazione di una comunità virtuale di apprendimento con incontri e scambio di materiali attraverso i social network.

A causa dell’impossibilità di tenere incontri di persona per le misure di controllo contro la pandemia, si è deciso come strategia generale di promuovere gli orti familiari in casa, con lo scopo di generare una rete di famiglie che potessero incontrarsi di persona una volta che le condizioni della salute pubblica li ha consentiti.

Il modello pedagogico proposto è l’apprendimento trasformativo in azione, basato sull’apprendimento esperienziale, il dialogo della conoscenza e la transdisciplinarietà.

Per raggiungere gli obiettivi, è stata sviluppata una metodologia partecipativa, promuovendo la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti, favorendo una partecipazione responsabile alla cura della comunità. Gli utenti saranno i protagonisti, favorendo il loro sviluppo personale e apprendendo conoscenze e valori fondamentali per la loro inclusione sociale, sentendosi così parte del progetto in ogni momento.

 

Gli obiettivi co-costruiti erano i seguenti:

Scopo generale

Rafforzare lo stato di salute, la qualità della vita e la resilienza della comunità nelle famiglie partecipanti, attraverso il supporto nei processi di progettazione e implementazione di Giardini Terapeutici Familiari, dall’approccio agroecologico ed ecopsicologico, nel contesto della contingenza sociale e sanitari.

Obiettivi specifici

– Ricollegare famiglie e comunità con la cura e la gestione del giardino come fonte di nutrizione eco-psicosociale.

– Integrazione di individui, famiglie e comunità attorno a cicli di formazione in agroecologia teorica e pratica per la sopraelevazione di giardini e spazi comunitari.

– Promuovere l’auto-cura e la salute completa delle loro comunità e territori nei partecipanti.

– Rafforzare nei partecipanti il ​​loro stato di salute, dalla consapevolezza di essere parte ed espressione della natura.

– Supportare le famiglie partecipanti nella transizione verso uno stile di vita sostenibile e rigenerativo a livello familiare e comunitario.

– Sviluppare capacità di accompagnamento e facilitazione per gli orti familiari terapeutici.

– Rafforzare nelle famiglie partecipanti il ​​legame con il territorio, il senso di comunità e la resilienza della comunità.

– Guidare e supportare i processi di reinserimento delle persone con attività psicosociali e agroecologiche.

 

Il processo:

Il lavoro è stato svolto in fasi determinate da diversi obiettivi che gli utenti si sono impegnati a raggiungere durante il processo.

Le fasi definite sono state le seguenti: diagnosi partecipativa del territorio, formazione dei monitori, valutazione familiare, piani di vita, progettazione del frutteto, realizzazione, monitoraggio e valutazione.

È stata implementata una comunità di apprendimento che comprendeva i seguenti spazi di formazione: sessioni di formazione, colloqui tematici, comunità virtuale e forum, tutoraggio familiare, sessioni di scambio di esperienze, risorse audiovisive e manuali tecnici.

Le attività hanno cercato di migliorare l’apprendimento come metodo per migliorare l’ambiente vicino, l’ambiente, la comunità, l’acquisizione di valori sociali, la cooperazione e la trasmissione della conoscenza intergenerazionale. Con loro, l’obiettivo è promuovere i valori del servizio di apprendimento con la realizzazione di orti urbani.

 

Allo stesso tempo, abbiamo ricevuto l’invito dalla ONG Good Neighbors per attuare il programma nel settore collinare di Ramaditas, i cui residenti hanno subito un incendio il 24 dicembre 2019, che ha colpito gran parte dei residenti del settore, con centinaia di vittime. Attualmente, un’ampia percentuale delle famiglie del settore non ha un lavoro formale e deve ricorrere al lavoro autonomo, in particolare il commercio di strada. Questa situazione si presenta già come scenario precario, la cui realtà si è ulteriormente intensificata vista la recente pandemia che incide in modo significativo sulla condizione occupazionale di ciascuna famiglia, che dipende dalle vendite ottenute negli spazi urbani, che dall’attuazione dello stato di quarantena e di distanziamento sociale nella città, non sono riusciti a rimbalzare in una stabilità del proprio reddito.

In considerazione di quanto sopra, si è cercato di sostenere le comunità delle colline colpite dall’incendio (Cerro Rocuant, Cerro San Roque e Cerro Ramaditas), promuovendo il funzionamento e la manutenzione dell’orto comunitario denominato “La Jardinera”, realizzato nel settore del Cerro. Ramaditas dell’Organizzazione Sociale Comunitaria “Movimiento Ceniza”.

Il programma è iniziato cercando di rafforzare e sostenere il funzionamento e la manutenzione dell’orto comunitario creato dall’organizzazione sociale “Ashes Movement”, utilizzando una metodologia partecipativa per promuovere la collaborazione e la partecipazione responsabile della comunità.

Si proponeva di formare gli abitanti del settore che partecipano al “giardinaggio” sulle conoscenze agroecologiche ed ecopsicologiche, collegandoli al funzionamento di un orto comunitario con un ruolo terapeutico per i partecipanti. Questi corsi di formazione hanno cercato di formare supervisori competenti per l’accompagnamento familiare nell’ambito del lavoro educativo.

Di conseguenza, vengono consegnati strumenti relativi alla semina, alla cura e alla raccolta delle verdure, con una preoccupazione speciale per aumentare la consapevolezza sulla transizione verso uno stile di vita sostenibile e rigenerativo a livello di comunità.

Da questa esperienza, abbiamo ricevuto la chiamata da Good Neighbors Santiago, per condividere questo programma con un gruppo di 20 Donne del Comune di Cerro Navia, con cui si sono svolte sessioni faccia a faccia e moduli virtuali, condividendo metodologie per realizzare giardini verticali e giardini nelle loro case. vermicomposters come introduzione al lavoro con HFT in un ambiente urbano.

Risultati

Alcuni dei benefici sociali generati dal programma sono i seguenti:

  • Creazione di reti comunitarie.
  • Formazione e rafforzamento dei leader di quartiere.
  • Senso di appartenenza al territorio.
  • Generazione di abitudini sostenibili.
  • Riduzione della spesa alimentare nel bilancio familiare dei partecipanti.
  • Riduzione della spazzatura dalla separazione dei rifiuti.
  • Ottenere il compostaggio dalla separazione dei rifiuti.
  • Recupero del suolo, discarica e prevenzione incendi.

Il modello degli orti familiari terapeutici è in pieno sviluppo e ha generato molte aspettative e interesse comunitario nei settori in cui è stato implementato.

In termini generali, tutte le esperienze svolte hanno come filo conduttore il lavoro personale, l’orto è mediatore dei processi di guarigione e lavoro interiore a livello personale, familiare e comunitario. Abbiamo promosso lo scambio di conoscenze e la realizzazione di mingas, come un modo per promuovere la collaborazione, lo scambio di conoscenze, semi, esperienze e sovranità alimentare.

In ciascuna delle sessioni, sia faccia a faccia che virtuali, abbiamo cercato di incorporare rituali, lavoro sul corpo, danze, meditazioni e riflessioni che aiutano i partecipanti a riconoscere varie metafore sui loro processi psicologici quando lavorano con il giardino.

Questo dal lavorare con gli archetipi degli elementi della natura, come fuoco, terra, aria, acqua ed energia, così come i cicli stagionali che ci invitano a riconoscere nella nostra vita l’influenza e il potenziale di autoesplorazione che promuovono. Ciascuna delle stagioni, riconoscendo sia internamente che esternamente i processi che sostengono la vita nelle nostre primavere interne, estati, autunni e inverni. In questo senso, incorporiamo la ruota della medicina come un dispositivo molto importante per comprendere la generazione della vita e del benessere nel nostro rapporto con la terra.

Abbiamo anche sottolineato il salvataggio delle saggezze ancestrali, delle culture indigene e sciamaniche come un modo per ricollegare le nostre comunità con la conoscenza dimenticata nella cultura occidentale che ci collega con la saggezza della natura come modello principale.

Bibliografia

Arvay, Clemens G. 2016. L’effetto Biofilia. Il potere curativo di alberi e piante. Edizioni Urano, Barcellona.

Davis, S. 2008. Orticoltura come terapia: principi e pratica. Binghamton: Food Products Press.

Ibarra, JT, J. Caviedes, A. Barreau e N. Pessa (a cura di). 2019. Orti familiari e comunitari: coltivare la sovranità alimentare. Edizioni Universidad Católica de Chile, Santiago, Chile. 228 pagg.

Kausas, Susana; Nieves, Enrique. 2004. El jardín familiar. Sviluppo ambientale , IMM. 2004.

Pereira, Claudio e Ríos Marian. 2019. Salute ecologica e benessere rigenerativo . Libro accademico nell’ambito della Formazione Internazionale in Ecopsicologia Applicata: Ecotunning Training.

 

Dr. Claudio Pereira Salazar. Trasformazione di Koru. Istituto di Ecopsicologia Cile – Colombia.

 

Previous articlePer una nuova cultura ecologica a Scuola
Next articleWilderness e mindfulness
Claudio Antonio Pereira
Dottore in Comunicazione, trasformazione sociale e sviluppo laureato all'Università Complutense di Madrid, in Spagna. Master in Antropologia e Sviluppo, all’Università del Cile, e Psicologo all'Università di Valparaiso (Cile). Psicoterapeuta e insegnante di “Danza Primal” certificato dalla School of Transpersonal Integral Psychology. Accademico del Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università di Antofagasta. Ecopsicologo, allenatore e facilitatore dei processi di trasformazione con un approccio rigenerativo. Specializzato in Psicologia Integrale Transpersonale e in Psicodramma per la facilitazione di gruppi. Presenta progetti di ricerca in Ecopsicologia, Culture rigenerative e Psicologia sociale. Co-fondatore di Koru Transformation e coordinatore del Diploma Internazionale di Facilitazione degli Ecosistemi (DIFE), in Cile, per Gaia U Latina. Rappresentante in Cile della International Ecopsychology Society. Direttore dell'Istituto cileno di Permacultura. Mentore specializzato alle GAIA University. Membro del team del programma internazionale in Ecovillage Design (EDE), di GAIA Education (UNESCO) e della Ecoescuela El Manzano.